Firenze

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Firenze ti accoglie morbida nella sua valle, lungo quel fiume Arno memore di secolare risciacquar e costellato di belle magioni, testimoni di uno splendore tutt’ora vivissimo. Ohh! I tetti di Firenze, le curve delle vie, il passeggio dei Signori. Firenze che sa di Beatrici e mandragola, Firenze che sa di prìncipi e cuoio, Firenze che si dona agli Inglesi sui suoi colli alti, Firenze con le sue botteghe, Firenze che è un’insegna a neon di sessant’anni fa che brilla lieve e dice mesticheria. Ieri ho passeggiato quieto per una Firenze tutta mia, oggi, Amore mio, io ti accolgo come mia Sposa e Firenze, la bella, ci è testimone.

L'Autore

L'Autore

Carmine Savarese é nato nel 1977, in un inverno di piombo con il sole che splendeva su Napoli. E' stato un cowboy nella Toscana degli anni '80. E' uscito indenne dagli anni '90 ed ha viaggiato in circa 50 paesi, poi nel 2008 ha scelto New York. Carmine vive a Brooklyn, il lato migliore della mela e di noi stessi, e' un creative director, ha fondato Creativa, Tiplr, e molti progetti che stanno a mezza via tra il design ed i viaggi. Carmine va in bicicletta.