Sul ponte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Sul ponte siamo rimasti io ed il sassofonista nero, uno di fronte l’altro. Lui gode del morbido sole di dicembre, io della sua musica. Fino a qualche minuto prima c’era una famigliola colombiana che lanciava molliche alle anatre nello stagno, poi, d’improvviso, ha continuato il lento passeggiare nel parco. Poco dopo, un ebreo ortodosso con due bimbi per mano ed il cappello dalle grandi falde, attraversa il ponte, il sassofonista per un attimo s’interrompe e dice -Shalom- l’uomo ricambia, poi riempie di nuovo il silenzio con la sua melodia. A ritmo piu’ intenso sono passati anche due corridori ed un cane al guinzaglio di una ragazza bionda. Ma adesso, per un tempo indefinito, siamo io e lui soltanto, lui con la barba bianca e gli occhiali scuri, io con il sole tra i capelli. L’incanto viene rotto dal suo telefono che squilla, l’uomo risponde, io sono di fronte che lo racconto digitando silenzioso queste parole e mi accorgo che a sua volta, il sassofonista mi sta raccontando al proprio interlocutore, dicendo che sul ponte un uomo é seduto quieto sul bordo, e qui al parco oggi un giorno speciale per fare musica. Mentre realizzo questo passaggio e mi distraggo a guardare il sole calante, lui é tornato a suonare e la gente ad attraversare il ponte.

L'Autore

L'Autore

Carmine Savarese é nato nel 1977, in un inverno di piombo con il sole che splendeva su Napoli. E' stato un cowboy nella Toscana degli anni '80. E' uscito indenne dagli anni '90 ed ha viaggiato in circa 50 paesi, poi nel 2008 ha scelto New York. Carmine vive a Brooklyn, il lato migliore della mela e di noi stessi, e' un creative director, ha fondato Creativa, Tiplr, e molti progetti che stanno a mezza via tra il design ed i viaggi. Carmine va in bicicletta.